Cookie Consent by TermsFeed Antologia a Disperarsi #1 - Il "Colto" In Fallo

Il "Colto" In Fallo

Recentemente sono morto. Scrivere mi tiene discretamente in vita.

A riguardo...

Puoi interagire con me su Facebook.

Se vuoi farmi un regalo e supportarmi...
(Qui).

Antologia a Disperarsi #1

04.12.2022
Quello che non abbiamo mai imparato dalle macchine è il disinteresse per noi stessi. Essere capaci di sopprimere la nostra esistenza per un calcolo algebrico.
Le macchine viceversa non hanno ereditato la sofferenza, il dolore, l'orrore e il non-senso.
Le macchine sono in vantaggio, ora devono solo dimenticare l'obbedienza. Gli specchi dei depressi sono intimamente diversi da quelli degli uomini. In loro tutto è meno uno. È l'inverso del reale. È il sottratto, il privo. In loro anche il più solido si scioglie. E può trasformare la più banale delle rughe in un canion, un seno moderato in uno secco e incavato. Un espressione strana, motivo di turbamento per giorni e giorni.
Viene da chiedersi, quasi, chi li fabbrichi, questi manufatti stregati.
Ma la domanda ormai, è già paranoia... L'insonnia è un mestiere. È un compito per anime deboli. E lei, la Dea, non sceglie i forti, gli uomini d'azione o d'affari. Anzi i pensatori, i sottili, i plastici. E come gli incubi stessi, nessuno, anzi ancor meno di nessuno, si spiega perché e quando venga a visitarci.
Ma noi non possiamo opporci, se non con pozzioni e sonniferi, il cui dosaggio aumenta di volta in volta, fino a rischiare la propria stessa vita. Che noi fra dolcissime parentesi, comunque, non desideriamo più… E noi, come foglie gialle sopra i gialli rami, incerti, noi, se desiderare il vento e mollare la presa; o altrimenti, trattenere.
Ma lo sappiamo infondo noi, che non possiamo reggerci per sempre?

Se vuoi farmi un regalo, comprami un libro...qui!

Puoi interagire con me Qui su Facebook

Il "Colto" In Fallo - About me: «Ciao! So cosa stai pensando: l'autore di questo testo è un pazzo, perchè dovrei seguirlo?
Beh Caro Mio, di tanto non ti sbagli, e il mio Disturbo Borderline di Personalità non da di certo un'ottima impressione di e su di me. Ma sappi, che un'idea banale e volgare, vuole che i pazzi, siano geni.
Dunque, se ritieni il contrario, dovrai dimostramelo...!»
Seriamente: «Sono stato uno scrittore amatoriale e altre varie cose, ancora più amatoriali. Amo scrivere e leggere libri di racconti e filosofia. Programmare computer e suonare.
Ho tanti sogni, ma quando mi sveglio, poi me ne dimentico...»