Cookie Consent by TermsFeed Le Cinque

Il Libertyno

Un sito che più retrò non si può



Recentemente sono morto, scrivere mi tiene discretamente in vita.


Le Cinque

Quando tornerà a salire questa marea di tristezza, che brulicante sale, come insetti sui cadaveri? Oggi, che non più è plenilunio per la mia gioia, già la senti arrivare, o non è così? Ti basta poggiare l'orecchio sul mio petto lunare, pieno di foreste di peli, di crateri, di baci sconosciuti; per sentirne il rumore, l'olezzo. Il mio cuore non batte, no, esso ticchetta. Come un orologio vagamente guasto, col suo diritto. Col suo desiderio nascosto, che un giorno, una sola volta, segnerà l'ora esatta. Poi millenni di vuoto, sì, di solitudine e spazio infinito. E di orologiai maldestri. Tutti intenti aspettando che il sole batta le cinque, quando anche noi lo facciamo. O no? O mi sbaglio, oh mio cuore malato?